Martino Naia Signoretto

Martino Naia Signoretto

artist

Martino Naia Signoretto,

Venice on 01 November 1990.

Since he was a child denotes a great dedication, ability and interest in the design that led him to choose, after completing compulsory education, to enroll at the Liceo Artistico (Art School of Venice) where he affirms and develops his artistic skills.

But his passion for the world of glass begins much earlier. His parents work in a glass factory in Murano, his father is an assistant of Maestro Walter Furlan and his mother is the daughter of the great Maestro Pino Signoretto. Martino immediately looks to be very curious about glass and very often stops in the furnace to observe his grandfather’s creations.

In the following years, Martino began to occasionally assist Maestro Pino Signoretto. He began to learn the techniques of glass processing, learning them directly from the Master and his team who saw in Martino a will and a rare ability for a teenager.

At the age of 17 Martino permanently joined the team of Pino Signoretto.

Assisting Pino Signoretto, considered the best master glassmaker in the world and famous for his eclecticism, permit him to learn all the techniques of Murano glass processing. He also has the opportunity to collaborate in the creation of the works of various artists and designers such as Hiroko Ueki, Marc Quinn, Ritva Liisa Pohjalainen, Oiva Toikka, Markku Piri, Harri Koskinen, Illka ​​Suppanen Adel Abdessemed.

After the death of his lovery grandfather Martino is now the Glass Master of the Pino Signoretto glass studio where everyday he creates his unique glass sculptures

Martino Naia Signoretto

Martino Naia Signoretto

artista

Martino Naia Signoretto,

nasce a Venezia il 01 novembre 1990.

Fin da piccolo denota una grande dedizione, capacità e interesse per il disegno che lo portano a scegliere, dopo aver finito la scuola dell’obbligo, di iscriversi al Liceo Artistico di Venezia dove afferma e sviluppa le sue capacità artistiche.

La sua passione per il mondo del vetro comincia molto prima. I suoi genitori lavorano in una vetreria di Murano, il papà è vetraio nella fornace del Maestro Walter Furlan mentre la mamma è figlia del grande Maestro Pino Signoretto. Martino si dimostra da subito molto curioso per il vetro e molto spesso si ferma in fornace a osservare le creazioni del nonno.

Negli anni successivi Martino coglie al volo l’opportunità e comincia a assistere il Maestro Pino Signoretto, svolgendo le umili mansioni del “serventino”. Comincia così a conoscere le tecniche della lavorazione del vetro apprendendole direttamente dal Maestro e dai suoi assistenti che vedono in Martino una volontà e una capacità rara per un teenager.

All’età di 17 anni Martino entra stabilmente a far parte del team di Pino Signoretto.

Assistere Pino Signoretto, considerato il migliore Maestro vetraio al mondo e famoso per il suo eclettismo, gli permette di apprendere tutte le tecniche della lavorazione muranese del vetro. Inoltre ha la possibilità di collaborare alla creazione delle opere di vari artisti e designer come Hiroko Ueki, Marc Quinn, Ritva Liisa Pohjalainen, Oiva Toikka, Markku Piri, Harri Koskinen, Illka Suppanen Adel Abdessemed.

Dopo la scomparsa dell’amato nonno Martino è il Maestro Vetraio della Fornace Signoretto SRL presso la quale realizza ogni giorno le sue creazioni uniche.

error: Alert: Content is protected !!